• Anna Rizzo

Bonus Mobili 2019: cos'è e come ottenerlo


Me lo avete chiesto in tanti, si il Bonus Mobili è stato prorogato anche per il 2019.


Con la legge di bilancio 2019, il governo ha confermato il Bonus Mobili 2019, per tutti gli acquisti effettuati fino al 31.12.2019.


Insieme al Bonus Mobili, sono stati prorogati il bonus ristrutturazione e l'Ecobonus.




Come usufruire della detrazione: Bonus Mobili 2019


Per poter usufruire del Bonus Mobili 2019, requisito importante è aver richiesto la ristrutturazione dell'immobile nel 2018.


Il Bonus Mobili permette di detrarre dalle tasse, oltre alle spese per i lavori edili (a chi effettua la ristrutturazione dell'immobile), le spese per l'acquisto di arredi, mobili ed elettrodomestici.




Come Pagare per usufruire della detrazione: bonus mobili 2019


Le spesa dei mobili per essere detraibili devono essere pagate con bonifico, carta di credito o di debito, non è consentito l'uso di assegni, contanti o altri mezzi di pagamento. In questo caso, non è strettamente necessario utilizzare il bonifico parlante (come chiarito dalla guida dell'agenzia delle entrate), soggetto a ritenuta dell'8%, che viene utilizzata per le spese di ristrutturazione edilizia.


Come ricevere il bonus mobili 2019


Il Bonus Mobili, da diritto a una detrazione IRPEF del 50% per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.


La detrazione spettante per il Bonus Mobili va calcolata su un importo massimo di € 10.000,00 ripartita in 10 quote annuali di pari importo, e inserita nella dichiarazione dei redditi.


Per quali spese è riconosciuto il bonus Mobili


Le spese ammesse alla detrazione del Bonus Mobili sono:

  • Mobili;

  • Grandi elettrodomestici: Rientrano nei grandi elettrodomestici, per esempio: frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento;

  • Arredi: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione;

E’ escluso l’acquisto di porte, pavimentazioni (per esempio, il parquet), tende e tendaggi, altri complementi di arredo.






0 visualizzazioni