• Anna Rizzo

Arredamento casa: stili di arredamento quale scegliere?

Aggiornato il: 15 gen 2019


Cercando ispirazione per nuovi progetti, su instagram, on-line e sulle riviste, come e mio solito fare, mi sono accorta di una serie di immagini da cui ho trovato ispirazion per parlarvi dei vari stili di arredamento. Perché non si può più parlare solo di arredamento moderno o arredamento classico o arredamento shabby, adesso gli stili di arredamento sono molteplici e con caratteristiche ben precise. Vediamo quali sono.

Oltre all'arredamento classico o moderno nel senso ampio del termine possiamo classificare gli stili di arredamento nelle seguenti categorie:

  • Stile Industriale;

  • Stile Giapponese;

  • Stile Shabby Chic;

  • Stile Boho Chic;

  • Stile Etnico;

  • Stile Scandinavo;

  • Stile Rustico;


Ognuno di questi presenta delle caratteristiche particolari, uniche che lo distingue dagli altri.


Stile Industriale

Lo stile industriale nasce a New York negli anni '50 quando si iniziarono ad usare come case, locali di vecchi uffici, industrie e centri direzionali. I mobili di questo stile sono caratterizzati da un mix tra Metallo e Legno, che trae ispirazione dell'atmosfera e dall'arredamento delle officine e delle fabbriche anni '50.


Stile Giapponese

Lo stile giapponese è caratterizzato dalla leggerezza degli ambienti. L'arredamento è caratterizzato dalla leggerezza degli ambienti. L'arredamento è minimalista, ordinato ed essenziale, ispirato alla filosofia zen. Gli arredi, sono caratterizzati da elementi bassi, come il futon - ovvero il letto tipico giapponese che consiste nel solo materasso appoggiato a terra. Colori neutri delicati, per creare spazi sobri e puliti.



Stile Shabby Chic


Shabby vuol dire letteralmente malridotto, malandato. Lo stile shabby chic però è tutt'altro che "malandato", utilizzando l'arredamento e gli accessori giusti, è possibile creare un ambiente elegante caldo, confortevole e "vissuto". Toni di laccature bianco, grigio e pastello abbinate a motivi floreali, ceste in vimini che ricordano le caso degli anni '70.


Stilo Boho Chic (Bohemian Chic)


L'arredo Boho Chic prende ispirazione dallo stile Hippie degli anni '60 e '70. Nasce nel 19 secolo, è sinonimo di anticonformismo ribellione e libertà. Non esiste un vero e proprio schema per arredare in stile Boho Chic. Gli elementi che fanno da padrone sono oggetti recuperati in modo creativo, quindi mobili antichi restaurati, ed impreziositi da articoli etnici che ricordano le culture orientali, tessuti patchwork, cuscini, pouf e tendaggi, in gran quantità. Nel Boemian Chic ogni complemento d'arredo ha una storia e un legame affettivo con chi lo possiede.


Stile Scandivano

Lo Stile Scandinavo, è esteticamente molto caratteristico, linee pulite, texture di materiali di qualità, design semplice e funzionale. Detto così può dare l'impressione dello stile moderno. L'ambiente è essenziale caldo e accogliente, i colori neutri vanno dal bianco al rosa, al color legno naturale, tenue con particolari oro e argento, i materiali si mescolano, dal legno alla lana dal metallo al lino.


Stile Rustico

Legno, pietra, mattoncini a vista e anima country, è questo sostanzialmente lo stile rustico. Intramontabile e facilmente mescolabile con altri stili. Elementi che contraddistinguono lo stile rustico sono ad esempio le travi a vista, il pavimento in cotto, la pietra sulle pareti. Per quanto riguarda i mobili per lo stile rustico, di predilige il legno massello, sia in tinte naturali, che color noce o laccati tenui (come in foto) anche molto scuro, e con effetto "rovinato" negli spigoli, irregolare, lasciato come natura lo ha creato.